Spending Review ed i giochetti politici dietro i Vigili Volontari

25.000 nuovi V.V. nel triennio 2012/14

Pavia -

LAVORATORI,

 

Con l’ennesima precisazione a riguardo, vedi Circolare 9906 del 12/04/2013, l’amministrazione gioca con il futuro del Corpo Nazionale e con la Vita dei Cittadini che non riconoscono la suddivisione o, per meglio definirla, differenza tra il Personale Permanente e Volontario, per Loro i Vigili del Fuoco sono tutti “POMPIERI” e si aspettano la più alta professionalità da tutti quelli che portano la nostra divisa.

Ricordiamo che per un Vigile del Fuoco Permanente occorre un corso della durata di almeno 6 mesi, un esame finale al termine del corso e poi si può entrare in servizio effettivo. Invece con un solo corso di 120 ore si può essere decretato personale Volontario e poi prendere servizio nelle sedi volontarie dei Vigili del Fuoco.

Inoltre  ribadiamo a gran voce lo scandaloso e denigrante sistema  dei passaggi di qualifica del Personale Permanente rispetto a quello Volontario, con i primi che a tutt’oggi dopo VENT’ANNI di servizio da VIGILI DEL FUOCO  PROFESSIONISTI  attendono ancora il passaggio aCAPOSQUADRA. Spesso,nell'attesa di un meritato passaggio di qualifica, vengono comandati a ricoprire mansioni superiori causa la carenza di qualificati, senza le dovute tutele e senza   percepire un  compenso adeguato alla mansione superiore svolta. E quando finalmente accedono alla sospirata meta oggi affrontano,con i nuovi moduli formativi, un corso della durata di almeno 3 mesi con esame finale. Per i Volontari  invece bastano che siano iscritti da almeno 5 anni nel ruolo dei Vigili Volontari, e non è detto che in questi  5 anni abbiano effettuato un numero  tale di interventi da aver acquisito una valida esperienza sul campo, un corso online per poter poi partecipare ad uno pseudo-esame finale.

 

Tale situazione sta diventando insostenibile. Per non parlare del capitolo SOVRAORDINAZIONE  che è sicuramente la parte più meschina e vergognosa che l’amministrazione poteva partorire.

TUTTO IL PERSONALE PERMANENTE DEVE ESSERE SENZA OMBRA DI DUBBIO SOVRAORDINATO A QUELLO VOLONTARIO .

Dobbiamo cambiare se non eliminare lo scenario,solamente politico, dell’arruolamento dei Vigili Volontari nel Corpo Nazionale che non e' altro che:

 una fabbrica di precari in piena crisi e spending review

Il Personale Volontario quasi sempre:

·         Lavora come precario presso i Comandi  160 giorni e poi, per 6 mesi, percepisce l'indennità di disoccupazione.

·         Per altri invece, che il lavoro ce lo hanno già, e' un 2° reddito.

·        Altro caso ancora è  quando si fa servizio in un distaccamento VOLOTARIO dove vengono retribuite  le ore per intervento effettuato.

il tutto in barba ai giovani disoccupati ed alle casse dello Stato!!!!!!

e scusate ma fateci capire da quando si paga la Volontarietà ??????

Prendiamo solo ad esempio la spesa  per il vestiario dei Volontari:migliaia di Euro vengono buttati al vento in quanto parecchi Volontari una volta terminato il corso spariscono, non garantiscono  nemmeno 1 h. di dedizione al soccorso, si agghindano solo per la festa del paese o in occasione della nostra Santa Barbara, ma molti neanche per quella e per noi non c’è mai niente in magazzino  neanche un paio di calzette. Visto che tra richiami, vestiario e attrezzature le spese ci sono comunque si dovrebbe  ricreare una sorta di nostro serbatoio da dove attingere personale già in parte conoscitore del nostro lavoro: “ ci verrebbe da dire  i nostri cari e vecchi ausiliari ”. Si dovrebbero creare lavoratori e non precari; ad esempio basterebbe richiamare il personale, in base alle graduatorie, non per 160 giorni ma per tutto l'anno e raggiunti i 3 anni di servizio (tipo i v.f.b. dell’esercito) poi assumerlo. Così il personale sarebbe formato nei dovuti modi, e non come oggi che ti capita di dover fare l’APS in 5 unità di cui 1 Volontario di prima nomina  che non ha mai raggiunto, e non diciamo montato, la cimetta della Scala Italiana. Però ci sentiamo dire “ma certo che è idoneo ha appena terminato il super corso di 120 ore”. E’ risaputo che il “capitolo Vigili Volontari” è purtroppo un serbatoio di voti per quei politici che si ricordano dei Vigili del Fuoco,  quelli professionisti intendiamoci, quelli che accorrono sempre 365 giorni l’anno, solo quando devono togliere le castagne dal fuoco o devono fargli fare bella figura ma poi, quando ci rivolgiamo a quei politici, per rivendicare la nostra professionalità, di colpo vengono colpiti da sordità fulminante. E’ ora di pretendere quello che ci meritiamo dopo anni di rischi e fatiche: passaggi di qualifica, adeguamento degli stipendi agli standard europei, mezzi ed attrezzature idonee ed il riconoscimento di VERI PROFESSIONISTI DEL SOCCORSO. Però purtroppo vogliamo ricordare che anche tra i nostri insospettabili colleghi esistono i franchi tiratoriche per chissà quale personale motivazione si prostrano ai giochi di potere minando il futuro del Corpo. Tutto il Personale Permanente dovrebbe adoperarsi  per  posare le basi per un futuro diverso del CNVVF rendendolo anche un’opportunità d’impiego per Giovani coraggiosi e di buona volontà  qualità basilari per il nostro lavoro.

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni