Si sfiora il ridicolo: I Vigili del Fuoco chiusi fuori della caserma ?? meno male che ci sono i Pompieri

COMUNICATO STAMPA VIGILI DEL FUOCO

 

 

 

 

 

 

Firenze -

Abbiamo visto anche questo: mattina di domenica 23 Settembre, sono le ore 7 circa, tutto il personale (quattro gatti oramai, 7 persone) della sede (Firenze Ovest) è fuori per un incendio fabbrica nel comune di Calenzano (il distaccamento comunale volontario è chiuso, il perché non sta a noi spiegarlo).

 

 

 

Non è rimasto nessuno a presidio de " l' Indiano", il turno che deve entrare in servizio alle ore 8 di mattina trova i cancelli chiusi e le macchine si accodano all'ingresso. Il personale, impossibilitato ad entrare, telefona al 115 e fa presente la cosa, per evitare che non ci sia copertura del servizio viene allora sguarnito dei numeri necessari per regolamento il distaccamento aeroportuale e viene inviata una vettura con un dispositivo per aprire il cancello (la sede aeroportuale non potrebbe scendere sotto un certo minimo di presenze, pena la chiusura dello scalo....ma tanto è, di necessità virtù). Tutti quelli incolonnati, saputo dell'invio della macchina, tirano un sospiro di sollievo: tra poco arrivano i Pompieri.

 

 

 

Tempo addietro non si sarebbe mai presentato un problema simile: la carenza di organico ha contribuito molto al raggiungimento di questo stato di cose, la politica del locale comando provinciale poi ha dato il colpo di grazia: è bastato la riapertura di una sede (Pontassieve) chiusa quando l' organico era molto più abbondante di adesso e riattivata per questioni politiche in stato di grave carenza di personale: attualmente è più importante apparire che garantire un servizio decente. Sono mesi che diciamo che saremmo rimasti chiusi fuori prima o poi, abbiamo chiesto fossero presi provvedimenti in merito, lo abbiamo fatto presente a tutti i livelli. Questo è solo un esempio del tipo di difficoltà, spesso banali, con le quali il personale si trova a dover combattere quotidianamente.

 

 

 

Con questa denuncia vogliamo far presente che la colpa per la percezione di inefficienza che si ha della pubblica amministrazione debba spesso ricercarsi in un distacco dalla realtà dei livelli alti, livelli di gestione dove si progettano viaggi intorno al mondo senza curarsi delle scarpe rotte di chi dovrebbe realizzarli camminando.

 

 

 

La pubblica amministrazione è fatta anche di persone che vogliono lavorare per la collettività con onestà, queste persone non sono purtroppo supportate da chi dovrebbe gestire perché questi si interessa soprattutto della riuscita dei propri progetti politici in vista di una più veloce carriera.

 

 

 

Fuori da quel cancello non c'eravamo solo noi: c' era soprattutto il diritto del cittadino a vedersi garantito il soccorso nel momento del bisogno.

 

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni