Richiesta chiarimento trattamento del personale in occasione di eventi calamitosi per i quali non siano definibili le fasi operative

Nazionale -

Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile
Capo Dipartimento

Prefetto SalvatoreMario MULAS
Tramite:
Ufficio I - Gabinetto del Capo Dipartimento
Capo del Gabinetto del Capo Dipartimento
Viceprefetto Roberta LULLI

Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco
Vice Capo Dipartimento Vicario
ing. Fabio DATTILO

Direttore Centrale per l'Emergenza, il Soccorso Tecnico e l'Antincendio Boschivo

ing. Guido PARISI

Dirigente dell'Ufficio per il Contrasto al Rischio Acquatico e per Specialità Nautiche e dei Sommozzatori ing. Vincenzo Pietro RASCHILLA'

Al Direttore Regionale Lazio

ing. Claudio DE ANGELIS

Al Direttore Regionale Veneto

ing. Loris MUNARO

Al responsabile dell'ufficio Garanzia dei Diritti Sindacali

dott.ssa Silvana LANZA BUCCERI
 

OGGETTO: richiesta chiarimento trattamento del personale in occasione di eventi calamitosi per i quali non siano definibili le fasi operative.

Come definito dalla circolare n.8 EM/2015 il servizio Sommozzatori per interventi di particolare complessità tecnica operativa è dotato di personale specifico riunito in Task Force, a loro volta divisi per macro aree a copertura dell'intero territorio Nazionale.

Il personale Sommozzatore, impiegato per questa tipologia di eventi che richiedono mobilitazioni di ridotta consistenza e breve durata, non viene mai inquadrato in alcuna fase operativa di cui art.35 del richiamato CCNI, venendo ingaggiato per operazioni di soccorso SAR dal Centro Operativo Nazionale che di volta in volta si avvale dei reparti di Ricerca Subacquea Strumentale Integrata o Speleo Subacqueo Avanzato a seconda dei vari scenari di intervento. Come da nota del Ministero dell’Interno Dir. Centr. Emergenza e Socc. Tecnico – prot.n°1389/29201 del 20/03/2014 questa Organizzazione Sindacale chiede che venga fatta chiarezza circa la modalità con cui ARBITRARIAMENTE alcuni dirigenti decidono di interpretare tale circolare, generando confusione nel personale che si ritrova oggetto di speculazioni incoerenti, talune volte, persino su l'orario effettivo del lavoro svolto. Un esempio di ciò che viene affermato è accaduto nell’intervento Emergenza supreme NAVENVE15092019 del 15/09/2019 protocollo 57434. dove il personale RSSI di Roma è stato chiamato ad intervenire con seguente ingaggio da parte del CON: Si dispone invio immediato di strumentazione DID SCAN SONAR e relativo personale SMZT dedicato al suo utilizzo, da Comando Roma a Venezia per ricerca persona in mare.

Questa Organizzazione Sindacale chiede di attuare la suddetta nota, mantenendo il personale in servizio continuativo H24 fino a modifica motivata dalle esigenze operative da parte del Comandate della provincia interessata. Alla luce dei fatti esposti auspichiamo che l'amministrazione tuteli il lavoro di grande responsabilità e impegno cui il personale è chiamato ad espletare, evitando di generare confusione e stress di cui tali interventi per la loro peculiarità specialistica devono rimanere esenti.

il Coordinamento Nazionale USB VVF

 

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati