Regolamento per il concorso pubblico di accesso al ruolo dei vigili del fuoco

Nazionale -

Lavoratori, pensavamo di essere arrivati all’epilogo finale del regolamento, per l’accesso, attraverso concorso pubblico, nel Corpo nazionale dei vigili del fuoco. Invece nella riunione odierna, modifiche  chieste nel  tavolo di confronto a parte (delle quali alcune sono state recepite nel testo pseudo definitivo oggi in discussione), ci siamo arenati nella discussione dei titoli necessari per l’accesso alla qualifica iniziale del ruolo dei vigili del fuoco.  Quest’oggi ci aspettavamo  una nuova stesura che recepisse alcune modifiche e/o miglioramenti. Tra le cose richieste dal tavolo precedente, alcune sono state recepite nel nuovo testo, mentre rileviamo non accolta la nostra richiesta di ridurre il peso del colloquio verbale a favore  dei titoli, quelli che attestano capacità individuali di tipo professionale lavorativo perché lascia spazio ad una pericolosa discrezionalità. Emerge dalla riunione che non c’è l’intenzione di disperdere completamente  il mestiere a scapito del mero titolo culturale. Senza nulla togliere al titolo culturale che comunque troviamo necessario. L’amministrazione pone il veto  osservando che la legge 217/05, non prevede l’assunzione attraverso i mestieri in cui  l’unico requisito è il titolo della terza media. L’RdB/CUB, chiede più peso al mestiere per ovvie ragioni, e cioè perché fare soccorso non è come stare seduto ad una scrivania. Chi comanda una squadra ha moltissime  responsabilità, e deve essere messo in grado di espletare il suo lavoro in totale  sicurezza, sia verso coloro i quali viene indirizzato il soccorso, sia per chi lo espleta.  Non sappiamo se e fino a che punto  la gente comune e/o i nostri amministratori,  riflettano sul nostro lavoro e le problematiche e difficoltà che comporta (e senza aggiungere quelle che oggi mutuiamo con la 217/05), però noi sappiamo che ci porta a lavorare su dei livelli  di rischio non a portata di tutti.  Se andiamo  avanti su questa strada nel giro di pochi anni  il corpo sarà distrutto, in quanto non saremo più in grado di decantare la nostra professionalità, certe sensibilità lavorative non si acquisiscono cercando di arginare il problema attivando un corso di 12 mesi. È quindi sarà necessario contemperare i due requisiti, titolo culturale e quello professionale, dargli il giusto equilibrio per non disperdere quelle capacità necessarie alla nostra professione e che permettono di svolgere un soccorso efficace ed efficiente. Fermo restando che, relativamente agli aspetti generali, il  futuro concorso si articolerà con una prima prova  selettiva a risposta multipla  vertente su materie di cultura generale. Alle  valutazioni delle  prove d’esame e titoli, nella bozza, viene fissato un punteggio massimo complessivo di punti 100 che corrisponde alla somma delle prove seguenti: motoria, (50%); colloquio orale (30%)a, i titoli (20%). Come RdB/CUB, riteniamo che i titoli debbano avere più peso rispetto al colloquio, in quanto come espresso precedentemente, lascia nelle mani dell’’amministrazione troppa discrezionalità. Ora  aspettiamo un’altra, e speriamo ultima, convocazione per dare avvio alle tanto attese procedure di assunzione. In conclusione per noi  è pregiudiziale  la rivalutazione dei titoli, anche professionali, a prescindere dai  tanto manifestati vincoli di legge, in quanto la stessa  non dice che si può fare, ma neppure il contrario.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni