LA METAMORFOSI DEL PRECARIATO, DA PRECARIO AD IPERPRECARIO.

Regolamento del personale volontario, l'amministrazione partorisce un nuovo mostro.

Nazionale -

Lavoratori,

nella seconda puntata dell'incontro sul nuovo regolamento per il personale volontario, abbiamo assistito all'ennesima farsa. Il compito di redigere e far approvare la bozza è stato affidato a dei tecnici che nulla possono e probabilmente nemmeno vogliono discutere sulla ratio del provvedimento.La questione per noi è politica e dirimente.L'amministrazione cerca complici per riscrivere un provvedimento assolutamente peggiorativo del precedente (cosa già difficile di per sé), nel quale non si risolve la questione del precariato, ma si tenta la sua riforma.Tutto fa presagire che la volontà di ridiscuterne l'impianto non c'è, mancano i referenti politici: capo dipartimento e sottosegretario, la sede inoltre è quella inusuale dell'ISA.Il testo rimane lo stesso, la separazione dei volontari dai precari (elenco A e B) non è netta, non sono stati ridefiniti gli inquadramenti contrattuali di riferimento, né quelli assicurativi, rimane il lavoro orario a chiamata, la malattia non è retribuita, calano le ore di addestramento, la tutela sugli infortuni non è garantita dall'Inail, rimane l'assurdo tetto dei 20 gg. a richiamo e quello dei 160 gg. annui, ma sopratutto non viene eliminata la retribuzione dei volontari.Sanno bene che il “volontariato” senza l'assistenza economica verrebbe smascherato per quello che è, un doppio lavoro camuffato. Lontani suonano i proclami del sottosegretario che in più occasioni, parlava di eliminazione del precariato nei VVF, il precariato non solo non finisce con questo regolamento, ma verrà spinto all'ennesima potenza trasformando i precari in iperprecari, alla faccia della Leggi e della flexsecurity, di derivazione scandinava che quando arriva in Italia chissà perché si declina in flexibility without security.Il precariato non si riforma, si supera. Per questo riteniamo che chi legittima il provvedimento dell'amministrazione rimanendo a quei tavoli, non solo è complice ma è colpevole. Contrasteremo il provvedimento in ogni sede, step by step, fino a quando arriverà alle commissioni parlamentari di riferimento, a partire da un nuovo sit in il giorno 19 sotto l'ISA.

NUOVO REGOLAMENTO DEL PERSONALE VOLONTARIO? CHE DECIDANO GLI INTERESSATI, VOTINO I LAVORATORI! DIAMO IL VIA AL REFERENDUM DEL PROVVEDIMENTO IN OGNI LUOGO DILAVORO

lotta e resisti con noi, scrivici su: precari.vigilidelfuoco@usb.it

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni