INCONTRO A PALAZZO CHIGI CON IL PREMIER CONTE

Roma -

I vigili del fuoco rientrano nella manovra del cuneo fiscale. Quindi i soldi messi in campo, sono pochi e da dividere con troppi.

Conte e la Lamorgese, anch'essa presente all'incontro, di promesse non ne hanno fatte. Questo è già di gran lunga un buon punto di partenza. 

Quindi i video, le foto di incontri con Di Maio, Candiani e Salvini sono state tutte bufale architettate ad arte.

Per i vigili del fuoco non c'è nulla. 

Ora, o come Governo, si comincia da subito a parlare di diritto all'economia, ponendo al centro il diritto ai diritti sui luoghi di lavoro oppure possiamo tranquillamente ammettere di "mentire  sapendo di mentire". 

Come USB siamo stati chiari, a noi di parlare di "equi...qualcosa a qualcuno" non interessa. 

Stiamo morendo di lavoro,  le malattie professionali non riconosciute, non abbiamo carriere e i nostri stipendi non sono il frutto di un lavoro di confronto. Infatti sono bassi e inadeguati. Queste sono cose serie su cui aprire un ragionamento. 

In video il nostro intervento dove trattiamo due soli argomenti: "il contratto e una legge sulla rappresentanza". 

Il contratto perché se un sindacato non lo chiede e parla di emendamenti, leggine delege o deroghe e altro sta soltanto truffando; una legge sulla rappresentanza perché il contratto è uno strumento ma se a usarlo saranno sempre i soliti sindacati allora è meglio rinunciare in partenza. 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni