IL RIORDINO CONTRO I NAUTICI SICILIANI

ECCO LA TRISTE SORTE DI CHI NON HA UN FUTURO GRAZIE AI SINDACATI “FIRMAIOLI”

Nazionale -

Lavoratori,

più volte questa O.S. ha sollevato il problema di questi specialisti nautici che dapprima vittime di “nepotismi amministrativi” che favorivano altri a loro ed infine, perseguitati dai numeri a ribasso del famigerato “riordino”; sono bloccati in un limbo senza uscita che li vedrà di fatto per sempre lontani da casa.

Il riordino voluto dall’amministrazione con il benestare dei “firmaioli” (USB È L’UNICO SINDACATO CHE NON HA FIRMATO), ha di fatto troncato le speranze a questi lavoratori che si trovano fuori di casa da un minimo di 13 anni ad un massimo di 18 anni di servizio. La cosa è del tutto scandalosa… ma vedere che la colpa è egualmente divisa tra l’amministrazione e i sindacati “gialli” (sia confederali che falsi autonomi) è vergognosa!!!

USB sostiene la causa di questi lavoratori che meritano di tornare a casa dopo anni di attesa.

Speriamo che l’amministrazione e i sindacati “nemici dei lavoratori” possano smettere con questa guerra assurda e permettano a questi lavoratori di poter finalmente trovare sia una pace lavorativa/professionale sia un migliore assetto economico (ricordiamo che tanti anni di pendolarismo equivalgono a spese onerose a solo carico dei lavoratori in questione).

USB ritiene questi lavoratori vittime sia del riordino sia delle famigerate piante/dotazioni organiche che anche in questa occasione continuano a rimanere “volutamente” nascoste da parte dell’amministrazione… con la motivazione, crediamo, di non svelare anni “scuri” volutamente creati che hanno portato al caos odierno.

La LEGGE 252 ed il DL 217 hanno creato danni “irreversibili” ai lavoratori del CNVVF che non possono essere cancellati con delle semplici modifiche ma si deve mettere seriamente mano a tutto l’impianto del soccorso tecnico urgente riformando tutto il sistema di protezione civile del Paese.

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni