GESTIONE EMERGENZA COVID-19 COMANDO DI MILANO

Milano -

A TUTTI I LAVORATORI

 

 

Carissimi,

USB in queste settimane è stata molto attenta alla gestione nazionale dell’emergenza sanitaria, ed il servizio di Report di lunedì 30 marzo mette a nudo le inefficienze di un’amministrazione, il Dipartimento dei dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile, che davanti ad una pandemia mondiale mostra il lato peggiore di sé. Le parole “ IN LINEA CON LA MEDIA NAZIONALE” dovrebbero farci riflettere!! Perché lo stesso giorno del servizio, il Dipartimento emanava un bollettino di guerra agghiacciante in continua evoluzione: 2 morti, 476 unità in isolamento domiciliare per sorveglianza preventiva, 125 unità positive al Covid-19, di cui 18 ricoverati, 7 in terapia intensiva e 100 in isolamento domiciliare.

A Milano la gestione iniziale non è stata differente, e quello che viene documentato nel servizio fa parte di una indagine giornalistica dettagliata, poiché l’audio della partenza di Sesto San Giovanni e l’intervento degli stessi è stato discusso in una riunione al Dipartimento del 6 marzo con tutte le OO.SS alla presenza dell’Ing. Parisi senza smentire la criticità di quella giornata, che vi ricordo essersi conclusa con la quarantena preventiva di un componete della squadra.

Inoltre ci viene riferito, e lo leggiamo anche in un comunicato di un’altra O.S., che il Comandante si sia presentato da un collega in quarantena, inizialmente accusandolo e poi intimandolo di dire il nome del collega che in anonimato ha rilasciato l’intervista alla giornalista di Report. Riteniamo questo deplorevole comportamento di “caccia alle streghe” altamente offensivo per la divisa che portiamo, poiché lo stesso Comandante non si è mai interessato direttamente dei colleghi in quarantena e non si è mai interessato direttamente dei colleghi a casa e delle loro famiglie, ed è per questo che lo ricorderemo sicuramente come il peggiore Comandante del Comando di Milano.

Rimaniamo anche senza parole leggendo il comunicato provinciale di una O.S., dove si “scusa” con il loro Dirigente, perché citando il loro comunicato “...iniziali criticità comprensibilmente emerse nel dover affrontare la gestione di una pandemia per la quale nessuno era davvero preparatodiventa complice della Dirigenza, voltando le spalle a tutti i colleghi che sono stati colpiti da questa emergenza, ai colleghi in ospedale ed ai colleghi che sono morti. Un comportamento inaccettabile da parte di questa O.S. oggi adulatrice del Comandante ed in contrasto con tutti i documenti unitari, firmati anche da loro, che hanno condiviso un percorso per portare un supporto costruttivo ad un Comandante che brancolava nel buio. Chiaramente quando poi bisogna inginocchiarsi a lucidare gli stivali dei Dirigenti, si vede subito chi ha la lingua più lunga e chi invece pur di difendere i lavoratori colleziona disciplinari e denunce da parte dell’amministrazione.

Fortunatamente oggi la gestione dell’emergenza Covid-19 nel Comando di Milano, è tenuta in piedi da un ufficio composto anche da nostri pari, da colleghi capaci e validi che stanno sopperendo a tutte le mancanze del Comandante, ed è solo a loro che vanno i nostri ringraziamenti e la nostra ammirazione.

 

Carissimi Vigili del Fuoco, quando finirà questa emergenza, ricordatevi delle OO.SS che sono sempre state al fianco dei lavoratori, con cui USB vorrà sempre collaborare. Ricordatevi anche di quelle OO.SS, che non meritano neanche di vedere i loro nomi sulla nostra carta intestata, che sono andate a braccetto con il Comandante o all’ultimo minuto sono salite compiacenti sulla scialuppa di salvataggio dei Dirigenti, mentre gli altri si trovavano ancora a lottare per non affondare.

 

USB NON FA IL DOPPIO GIOCO PER COMPIACERE I DIRIGENTI!!

USB HA UN SOLO OBIETTIVO, LA TUTELA DEI DIRITTI DEI LAVORATORI!!

 

 

IL COORDINAMENTO USB VVF MILANO

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni