CON LA LOTTA E NUOVE PROPOSTE, UNO SPIRAGLIO DI LUCE C'E'!

PRECARI VVF DIMENTICATI DALLO STATO...

Roma -

Lavoratori precari,

grazie ad una botta di trasparenza dell'amministrazione, ci giunge comunicazione da qualche giorno sulle distribuzioni dei richiami per i Discontinui nella Regione Lazio nel 2° semestre 2015.

Notiamo 3 cose:

  1. i richiami sono sempre di meno
  2. grosse disparità tra i Comandi, soprattutto per Viterbo
  3. Coloro i quali - al Ministero - non hanno esitato a tagliare fondi per i richiami dei Discontinui senza pensarci due volte, oggi cercano di mantenere il più possibile le loro agevolazioni con discontinui factotum e autisti, in barba alle vere esigenze di soccorso tecnico urgente dei Comandi Provinciali.

 Ma fin quì nulla di nuovo...

Ormai sappiamo che la componente precaria verrà spazzata via totalmente nel giro di un anno o giù di li, in nome di un risparmio mai cercato e mai voluto dai cittadini, che anzi, chiedono maggiori sicurezze e maggiore personale per sopperire alle esigenze del soccorso, soccorso che non attende che una squadra finisca un intervento per andare su un'altro...

Ormai in tutta Italia si moltiplicano i casi di interventi eseguiti in grosso ritardo, interventi eseguiti con squadre ragguagliate di 3-4 persone, e di conseguenza infortuni degli operatori che stanchi ed oberati di lavoro, vanno a diminuire forze e concentrazione.

Detto questo vogliamo ribadire ai colleghi Precari (ma anche Permanenti) che il cambiamento si ottiene dalla lotta e dalla partecipazione di ognuno di noi (la storia ce lo insegna, non chi scrive o USB) ed è ribadito da alcuni politici vicini alle nostre lotte di ogni credo politico, che ci consigliano di stringere i denti e non mollare mai la presa, con manifestazioni, o eventi di ogni genere in piazza, per far conoscere la nostra situazione al popolo e arrivare in migliaia a Roma per reclamare quel giusto diritto di poter far valere anni e anni di esperienza nei CNVVF.

L'obiettivo è quello di diventare un caso nazionale, convergere in migliaia sia a Roma sia nelle singole città o prefetture, e stringere quella tenaglia intorno alla politica che faccia parlare di noi telegiornali e giornali, faccia salire il disgusto del popolo per il trattamento riservato ai VVF ed ai suoi precari, ma soprattutto il trattamento riservato al popolo sottoforma di soccorso pubblico in via di degrado, dimodoché si torni a parlare di noi e del soccorso tecnico urgente, nelle aule del Parlamento!!! (...ma stavolta a nostro favore).

E' di questi giorni la triste notizia dell'ormai sicuro smembramento del Corpo Forestale dello Stato, Corpo che come noi VVF garantiva un servizio più che specifico, che invece di potenziare hanno distrutto, lasciando come sempre invariati i veri sprechi delle Pubbliche Amministrazioni.

Beh da questo smembramento, a quanto pare c'è forseuna nota positiva:un emendamento che porti i doveri di lotta agli incendi boschivi dal Corpo Forestale dello Stato ai Vigili del Fuoco. 

QUESTA NOTIZIA DEVE ESSERE UNA NUOVA SCINTILLA IN NOI PRECARI VVF, UN'ALTRA VERA SPERANZA DI CAMBIAMENTO PERCHE' QUESTO NUOVO SERVIZIO CHE POTREMMO ESSERE CHIAMATI A FARE (che di fatto nuovo non è, ma passerebbe totalmente ai VVF) RICHIEDEREBBE ALTRO PERSONALE E MEZZI SUL TERRITORIO, QUINDI ALTRE ASSUNZIONI E MEZZI.

Chiediamo a tutti i coordinatori di prendere contatti con i propri parlamenti regionali (dato che la lotta agli incendi è finanziata e coordinata dalle Regioni) per così spingere in Parlamento anche da parte delle Regioni stesse, una richiesta finalizzata al miglioramento del servizio di soccorso tecnico e boschivo, tramite l'assunzione dei precari dei VVF, ovvero la proposta di legge da noi presentata da febbraio 2015.

Da Roma faremo altrettanto con i parlamentari nazionali, ma sappiate che dal basso deve venire una forte spinta per poter immettere nei politici interesse nella nostra causa, quindi mettiamoci in moto e partecipiamo alle iniziative di piazza e troviamo contatti nei parlamenti regionali.

Ricordate che l'immobilismo e l'esagerata concertazione dei sindacati o similari ci ha portato a perdere tutto ed oggi siamo qui a contare le briciole. E' ora che ognuno faccia sentire la propria presenza se vuole arrivare ad un obiettivo e non solo puntare il dito verso chi ha creato tutto questo.

Contattateci su precari.vigilidelfuoco@usb.it o contattate il delegato USB o Coordinamento Precari VVF del vostro Comando, se trovate parlamentari (regionali o nazionali) interessati a sostenere la rimostranze per la sorte dei Vigili del Fuoco e del soccorso tecnico urgente.

In allegato il documento relativo ai richiami dei Discontinui della Regione Lazio.

 

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni