VIGILI DEL FUOCO "ALLO SBARAGLIO"

Alessandria -

Quello che è accaduto l'altra sera, 25 ott 08, a Pozzolo Formigaro nei pressi delle F.N., dove si trova una vasta area sulla quale si trova una struttura di un supermercato dismesso, è veramente assurdo ma dimostra ancora una volta, se ce ne fosse ancora bisogno, che i Vigili del fuoco con l'ordine pubblico non ci azzeccano un fico secco.

Ma andiamo con ordine: alle ore 18 circa il capo turno della sede centrale chiama la seconda partenza (tre unità) alla campagnola carro-luce e di portarsi a Pozzolo F. nel luogo sopra indicato su richiesta del dirigente del Comando di Alessandria che aveva concordato a sua volta con il questore. 

A questa disposizione general generica al CS che  avanza chiarimenti maggiori, di che tipo di intervento si trattasse, che scenario interventistico vi fosse, con chi sul posto rapportarsi, ecc ecc. viene risposto che non si sapeva nulla (!?!?!?!) Nulla, andare sul posto e basta....

Si parte.

I tre dell'ave maria, mandati allo sbaraglio dal dirigente, man mano che si avvicinavano al posto si accorgevano che c'era qualcosa di anomalo e solo grazie alla esperienza e professionalità maturata negli anni, chiedendo alle forze dell'ordine che con posti di blocco deviavano il traffico molto prima (Litta Parodi e F.N), venivano a conoscenza che si trattava di un rave party punkabbestia.

Mentre stavano informando la centrale (non dovrebbe essere il contrario ??) giungevano purtroppo nelle immediate vicinanze del sito dove si trovavano molte forze dell'ordine e dove c'era già un certa agitazione.

Nemmeno il tempo di individuare il questore, non avevano altri riferimenti e chiedendo a chi era li attorno, e fare presente che in uno scenario del genere i pompieri dovevano operare in sicurezza con le proprie attrezzature, che nella fattispecie dovevano rimanere fisse, un lancio di pietre faceva ragionevolmente indietreggiare tutto lo schieramento di forze dell'ordine compresi i 3 dell'ave maria con attrezzatura.

A questo punto il CS concordava con il questore l'inopportunità di mettere a repentaglio la sicurezza dei propri operatori di squadra e dell'attrezzatura rimanendo a disposizione in un luogo molto più distante e sicuro.

Solo a questo punto giungono sul posto un collega onnipresente referente per il Comando, non si sa bene in che veste se della PG, addetto stampa o autista del tecnico di servizio che era stato avvisato solo in un secondo momento (mancanza di fiducia da parte del dirigente? o dimenticanza del capo turno?).

Il questore, dall'alto della sua esperienza e riconoscendo la piega che aveva preso l'operazione e l' impossibilità di operare, ringraziando quelli dell'ave maria, comunicava che i VV.F. potevano rientrare.

Quanto descritto dimostra soprattutto, oltre la diversa tipicità lavorativa dalla ps e cc, l'incapacità organizzativa e subordinazione oltre che alla mancanza di autorevolezza della dirigenza del Comando Provinciale di Alessandria Ing. Cavriani, nonostante le procedure operative volute fortemente dalla sola RdB\CUB VV.F. con il benestare di SE il Prefetto che era tra l'altro informato di quanto stava accadendo.

Riteniamo ingiustificabile e inqualificabile il comportamento superficiale che ha messo a repentaglio operatori del soccorso distolti dalle proprie attività tecniche-urgenti che nulla hanno a che vedere con scenari operativi polizieschi.

Denunceremo con tutta la nostra forza agli organi di competenza la leggerezza e l'incompetenza con la quale si manda allo sbaraglio il personale  VV.F. chiedendo che chi ha sbagliato paghi proprio per far si che non succeda mai più una cosa simile anche perchè non è detto che se oggi è andata bene domani sarà lo stesso......e qualcuno potrebbe farsi del male. Soprattutto è inammissibile che i vertici dirigenziali commettano simili errori .... e meno male che era solo un rave party!!!!

 No alla militarizzazione del CNVVF

 per una nuova e moderna protezione civile

  Iscvriviti alla RdB\CUB

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni