Milano: il Ministro degli Interni incontra le OO.SS.

Milano -

In data odierna il Ministro Maroni, in visita al Comando di Milano, si è incontrato con le OO.SS. le quali, dopo aver consegnato un documento sottoscritto nel mese di aprile tra Direttore Reg. Lombardia, Comandanti Prov. e OO.SS. Reg., contenente le principali criticità in cui versa il servizio di soccorso della Lombardia e quindi anche di Milano, ogni rappresentante di esse, ha provveduto ad esporre sinteticamente ulteriori pun

  1. la nostra contrarietà rispetto al nuovo ordinamento, causa di molti dei problemi in cui versa il CNVVF, citando ad esempio la telenovela dei passaggi di qualifica a CS.
  2. in seconda istanza abbiamo ribadito il nostro concetto di volontariato, certamente favorevole, ma non come sta avvenendo ora, con sviluppo indiscriminato e senza ne regole, o meglio regole a senso unico e ci siamo detti preoccupati delle uscite da parte del sottosegretario Sen. Nitto Palma, in una recente riunione a Bologna, in cui avrebbe dichiarato l’intenzione di incrementare la componente volontaria, chiudendo al contempo il 10% delle sedi professioniste, per recuperare personale.
  3. siamo entrati in merito alle assunzioni suggerendo che, al di là della nuova tendenza regionalistica, sarebbero più confacenti concorsi nazionali, ma con assunzioni a livello locale di comando.
  4. è stata evidenziata l’inefficienza della formazione a livello centrale, citando ad esempio i neoautisti, che a fine corso vengono assegnati ai comandi senza patente.
  5. un passaggio lo abbiamo riservato ai responsabili del dipartimento centrale, rispetto alle scelte dei nuovi automezzi, riferendoci alle APS Canter, ed alle barche versione alluvione; rivendicando un coinvolgimento dei comandi, rispetto alle necessità ed alle scelte di mezzi e attrezzature.
  6. abbiamo chiesto un intervento diretto del Ministro per bloccare i prossimi lavori di ampliamento della sede di Monza, in quanto nel progetto elaborato a livello centrale, senza coinvolgere ne Direzione Reg., ne Comando di Milano, sarebbe prevista solo la costruzione della palazzina uffici, senza alcuna variazione ne incremento del settore operativo!

Oltre a quanto sopra, abbiamo consegnato anche un breve promemoria in cui abbiamo elencato altre problematiche degne di nota. Al termine degli interventi, il Ministro ha risposto a quasi tutte le istanze, in alcuni casi concretamente, in altri meno, riservandosi di approfondire alcuni argomenti.

Ad esempio circa il dispositivo di legge sul riordino dei VVF, ha affermato che è sua intenzione rivedere il tutto (anche se non ha specificato in che senso!), così come la riconsiderazione delle dotazioni organiche, già dalle prime riunioni a livello nazionale a fine settembre. Il Ministro ha anche confermato l’eliminazione di tagli selvaggi, e la rimozione del blocco del turn/over e la volontà di trovare altre forme di finanziamento, ad esempio attraverso i fondi sequestrati alla mafia. Per quanto riguarda gli organici, sentito il Capo Dipartimento orientato verso un 10% delle 1300 nuove assunzioni, Maroni ha rivendicato una quota maggiore per Milano, in virtù della costituzione del futuro comando di Monza e degli impegni dell’EXPO, sbilanciandosi fino ad un 30% del totale (!?!).

In conclusione, come sempre, verificheremo quanto promesso e soprattutto il percorso di confronto ed impegno che il Ministro intraprenderà. Di positivo c’è che un impegno preciso se lo è assunto, dichiarando di voler rivedere le OO.SS. provinciali, verso la fine di Settembre o i primi di Ottobre. Vedremo!...

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni