GENOVA 2021

NIENTE DI NUOVO, PREVENZIONE E SICUREZZA INESISTENTI

Genova -

 

Nella notte di martedì 2 marzo si è consumata l’ennesima tragedia, annunciata e prevedibile, e nonostante la mancanza di prevenzione dei  rischi  e di piani efficaci per la protezione dei Pompieri e dei Cittadini Genovesi, abbiamo operato protetti da Santa Barbara.

La richiesta di soccorso è arrivato alle 23,20 di martedì per un incendio di un capannone in via Romairone a Bolzaneto.

I Pompieri sono intervernuti per spegnere un incendio in un capannone fantasma, forse contenente liquidi infiammabili, forse sotto sequestro, potenzialmente pericolosi per l’adiacente impianto petrolchimico SIGEMI.
E per rinfrescare la memoria di tutti, La SIGEMI è una azienda situata a Genova Pontedecimo che  svolge servizi di stoccaggio e movimentazione di prodotti petroliferi per conto terzi con un deposito con  capacità di stoccaggio di circa 200.000 metri cubi.

Il comando ha spinto l’acceleratore sul personale presente facendolo lavorare consecutivamente anche più di 8 ore in un scenario molto complesso con gravi rischi per i Vigili del Fuoco. Poche squadre ma con un occhio di riguardo al risparmio.

L’intervento si è sviluppato con l’invio del distaccamento di Bolzaneto (5 unità), due partenze, autoscale e mezzi di supporto inviati dalla sede centrale per un totale di circa 20 uomini più il Comandante e i funzionari.

Un utilizzo altissimo di bombole d’aria, oltre 50, per far fronte all’incessante lavoro che i Pompieri hanno dovuto affrontare con la paura che potesse venire coinvolto un silos del deposito.

Nessun cambio, nessun turn over, e solo verso le 6 una squadra da Savona ed una da Busalla hanno potuto offrire un po’ respiro al personale che ininterrottamente ha lavorato per evitare il peggio.

Avvieremo un tavolo in Prefettura e se non avremo risposte dagli organi preposti depositeremo un esposto in Procura e organizzeremo una manifestazione in Valpolcevera e a Multedo per denunciare l’assurdità di una gestione basata sul risparmio e sulla pelle dei lavoratori e dei Cittadini.

Riteniamo inaccettabile una gestione del Soccorso e della prevenzione che certifica l’assoluta inadeguatezza di un sistema che predilige il risparmio e abbandona la protezione di Cittadini e Lavoratori.

Faremo i passaggi istituzionali dovuti al fine di aprire un dialogo con i soggetti preposti, per ricostruire un sistema di soccorso che ponga le basi per una prevenzione che non può essere basata solamente sulla buona volontà dei Vigili del Fuoco di “strada”.

Abbiamo atteso e sperato che la nostra città cambiasse volto, allontanando quegli incubi che rappresentano le aziende ad alto rischio di incidente rilevante inseriti nel tessuto cittadino.

 

USB VVF Genova

 

https://www.genova24.it/2021/03/incendio-capannone-via-romairone-lusb-dei-pompieri-gestione-dellemergenza-basata-sul-risparmio-252078/

https://telenord.it/incendio-bolzaneto-bruciate-anche-350-mila-mascherine-schiume-nel-polcevera/

https://fivedabliu.it/2021/03/03/incendio-a-bolzaneto-usb-non-ci-sta-basta-con-la-gestione-basata-sul-risparmio-e-sulla-pelle-dei-lavoratori-e-dei-cittadini/

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati