Disastro di Linate: pompieri colpevoli???!!!

Dopo le denunce a mezzo stampa della RdB sembra che a Milano sia stato inviato dall'Ispettore D'Errico un "personaggio" del corpo nazionale in inc

Milano -

Dopo aver appreso dai mass-media, che dai verbali della Commissione Parlamentare i ritardi nei soccorsi nell’incidente aereo dell’ 8 ottobre 2001 a Linate, sarebbero stati conseguenti al mancato allertamento da parte della torre di controllo ed al cambio turno dei VVF, questa O.S. è oltremodo sconcertata in quanto la fonte sarebbe niente meno che il nostro Ispettore Generale Capo.

Pertanto sarebbe importante che dopo le smentite e precisazioni fatte dai rappresentanti della R.S.U, nella conferenza stampa del 19 febbraio ’02 e le iniziative della RdB a livello provinciale e nazionale, tutto il personale del Comando VV.F. di Milano, chiedesse a gran voce all’Ispettore Generale D’Errico risposte a delle semplici domande.

 

1) Ispettore Generale, ma Lei ha letto la relazione inerente l’intervento di Linate, inviata dal Comando di Milano ????????

 

2) Ispettore Generale, come mai Lei dichiara alla Commissione Parlamentare che il possibile ritardo è conseguente al cambio turno del personale, sapendo che questo avviene alle 8.00 e l’incidente è avvenuto alle 8,10 ????????

 

3) Ispettore Generale, come mai dopo accuse così deleterie per l’immagine del Corpo Nazionale, Lei non ha ritenuto opportuno fare subito delle precisazioni ed evidenziare il fatto che la stampa avrebbe utilizzato solo determinate frasi della sua audizione presso la Commissione Parlamentare, lasciando i Pompieri di Milano, soli a difendersi da queste infamanti accuse ???????

La RdB provvederà a trasmettere queste domande a chi di dovere attraverso la propria segreteria Nazionale ed invita tutti i Pompieri di Milano che si sono sentiti offesi da queste deliranti deduzioni, ad inviare queste e altre domande via Fax (06-46549557) al nostro Ispettore Generale D’Errico.

 

 

 

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni