Contratto di lavoro; secondo round

E’ la solita storia: “vincolata la firma dell’ ipotesi d i accordo alla distribuzione dei 10 milioni di euro del patto per il soccorso”

 

Nazionale -

Lavoratori,  

oggi abbiamo affrontato un primo tavolo tecnico (il secondo incontro) per quanto concerne il CCNL parte normativa. L’impostazione presa dal governo, quella di fare in fretta, rimane comunque rispettata anche dalla  delegazione di parte pubblica. Noi francamente biasimiamo questo modo  di operare poiché  presto e bene non vanno d’accordo. Abbiamo discusso  questa prima parte normativa, di cui prendiamo atto che, in linea di massima, gli aspetti contrattuali presi in esame, quelli che non sono regolamentati dalla 217/05, vengono mutuati quasi nella totalità dalla normativa contrattuale pregressa.

E’ stato affrontato il problema riguardante le modalità atta a destinare i dieci milioni di euro al personale, quelli  del “patto per il soccorso”. Siamo stati informati delle esatte cifre da assegnare al personale non direttivo e non dirigente, già esenti da oneri sociali qui di seguito riportati: - 9 mln saranno dedicati al personale non direttivo e non dirigente che al lordo degli oneri sociali diventano circa 7,2mln di euro.

Per quanto riguarda i circa 5,2 mln di € già stanziati e potenzialmente fruibili da  subito, ci è stata data ampia disponibilità ad aprire un tavolo quanto prima. Un problema comunque rimane in quanto la distribuzione dei 10 mln è stata vincolata dalla delegazione di parte pubblica alla firma della ipotesi di accordo.

Rimane il problema della  unilateralità decisionale, di parte pubblica, a transitare questi danari all’interno del FUA, ciò giustificato  per la natura dell’emolumento non  continuativo. In fine siamo stati informati che per una questione di  tempo, l’amministrazione, ha intenzione di avviare la discussione in merito alla ripartizione  delle economie, già in fase  di contrattazione del contratto parte normativa, e ancora prima della emanazione del DPR , e quindi si impegna ad avviare un tavolo di 2° livello, propedeutico a tale scopo ci è stata consegnato una bozza (in bianco) relativa alla ripartizione della quale, appunto, si dovrà trattare in questo  tavolo.

Il prossimo incontro si terrà mercoledì 12 , e per questa data l’amministrazione ha chiesto alle OO.SS presenti di presentare le norme che devono  integrare l’ipotesi di accorto, chiaramente solo per quelle norme non già regolamentate dalla 217/05 e soprattutto quelle che non comportano costi aggiuntivi. Infine ci siamo addentrati anche nell’argomento relazioni sindacali e per tutto ciò che non regolamentato dalla norma contrattuale vigente, alla richiesta delle OO.SS di trattare la materia  la delegazione di  parte pubblica si è espressa a favore. Tuttavia non volgiamo farci illusioni, perché questa accelerazione contrattuale, come sempre, rientra nei giochi della nostra controparte. La strategia e  sempre quella cercare di prenderci impreparati e giocare la  loro partiva avendo vita più facile. Oggi comunque ci sono tutti gli spazi per  giocare un ruolo importante, quello  di esserci a salvaguardia della generalità dei lavoratori. Quello di esserci  per partecipare alla stesura del contratto, per cui offriremo il nostro fattivo contributo. Tutto ciò allo scopo di arginare questa deriva militarizzate verso cui, questa brutta e  inutile riforma ci sta spingendo.   

Se volete combattere questo vuoto di democrazia, di cui è fortemente malato questo paese! Se volete contrastare le politiche personali  e nepotistiche portate avanti dalla politica in generale e dagli alti burocrati. Per una società giusta  e un equo salario iscrivetevi all’RdB/CUB

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni