Comunicato Stampa dell' Associazione DONNA e FUOCO

Associazione “Donna e Fuoco” contro il lavoro precario All’incontro con il Ministro Mazzella !

 

 

 

Roma -

L’associazione delle Donne Vigili del Fuoco Discontinue, insieme ai precari dei Vigili del Fuoco e delle rappresentanze del pubblico impiego, è scesa in piazza la mattina di Venerdì 6 Dicembre 2002, per partecipare alla giornata di Sciopero Nazionale , indetto dall’RdB e dalle organizzazioni sindacali di base, per ribadire il proprio “NO al Precariato” sotto qualsiasi forma.

“Donna e Fuoco”, rivendica il diritto ad un posto di lavoro stabile e permanente ai circa 25.000 Discontinui che ci sono nel Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco!

Ricordando inoltre, alle moltitudini che il mestiere del Vigile del Fuoco al servizio della cittadinanza 24 ore su 24 ore svolge interventi di soccorso e di protezione civile, che richiedono una continuità nel lavoro e una presenza del Corpo costante su tutto il Territorio Nazionale, specialmente nei luoghi ad alto rischio di calamità naturali!….CONTINUITA’ E NON DISCONTINUITA’!….Sia nella FORMAZIONE di tale personale precario e non, per la loro stessa incolumità, sia per un discorso oggi più che attuale di PREVENZIONE ai disastri ecologici, alle calamità naturali e via dicendo!

“Donna e Fuoco” inoltre, dopo il corteo, insieme a una delegazione di lavoratori precari e rappresentanti dell’RdB/CUB e sindacati di base, ha fatto un breve intervento durante l’incontro avuto con il Ministro Mazzella della Funzione Pubblica, con la richiesta al Governo di porre fine alla precarietà del Personale Discontinuo attraverso l’assunzione in ruolo definitiva!

Tra l’altro esiste una Proposta di Legge, proposta recentemente dall’RdB, sulla assunzione del Personale Discontinuo, presentata dal rappresentante della maggioranza Senatore Tatò, che ancor oggi è ferma al Senato, non ancora discussa dal Parlamento, nonostante l’urgenza per le carenze di organico, dove la stessa Amministrazione asserisce che mancano 15.000 unità nel Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco! Ed infine l’Associazione “ Donna e Fuoco ” ha speso anche due parole sulle Pari Opportunità, per quanto riguardano le Discriminazioni che le Donne Vigili del Fuoco subiscono da anni!… Se si pensa che vigili del fuoco di ruolo donne nel Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco sono circa una quindicina… a Roma ce ne una sola.

 

Associazione “ Donna e Fuoco ”

Coordinatrice Paola Recchia

Per informazioni – Cell. 329 6277928 – e-mail donnaefuoco@supereva.it

 

 

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni