BASTA PRECARI NEL CORPO NAZIONALE

VIDEO APPARSO NELLA TRASMISSIONE TERRA

Nazionale -

Lavoratori,

anche i “firmaioli” confermano che il corpo nazionale è la più grande macchina di precari. Diremmo, quasi tentando di ripulirsi la coscienza da quel famigerato 5 aprile dove c’è stata la firma al riordino del corpo nazionale.

Il video che vedrete ha di buono, oltre alla denuncia fatta da USB, il “grande valore” dato dai “volontari” (usiamo questo detto, improprio, con la rabbia necessaria che in questi giorni ci ha portato nelle piazza) che dimostra come la lotta al giusto riconoscimento non ha inizio “oggi”; dimostrando una delle tantissime “assurdità” che ruotano attorno al modo di questi vigili del fuoco che seppur importanti per il soccorso sono di fatto cancellati dal corpo nazionale.

USB continua una lotta, che è un dovere di Sindacato, in difesa dei precari del corpo nazionale affinché si abbatta il precariato e si costruisca una macchina di professionisti del soccorso.

USB è da sempre convinta che i “discontinui/volontari/precari” (scegliete voi, lettori, il termine) non sono dei professionisti; perché è difficile essere tali, se mentre si svolge questo delicatissimo lavoro, si ha la testa rivolta al prossimo lavoro aggiuntivo (necessario) per poter sopravvivere. Perché il precario dei vigili del fuoco è un lavoratore che per bisogno è: barista, bagnino, idraulico, meccanico, ecc… ma principalmente DISOCCUPATO!!!


I VIGILI DEL FUOCO SONO VITTIME SACRIFICALI DA OFFRIRE SULL’ALTARE DEL NUOVO MODELLO SOCIALE TUTTO IMPRONTATO ALL’IDEOLOGIA DEL MERCATO.

USB DICE BASTA E INVITA ALLA LOTTA IN DIFESA DELLA CLASSE

IL 26 FEBBRAIO ASSEMBLEA NAZIONALE A ROMA

IL 28 FEBBRAIO MANIFESTAZIONE A MILANO

 



 

 

 

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati