ACCANIMENTO TERAPEUTICO

Ancora formazione specializzazioni e anche S.A.F. ma per quanto ……

 

Roma -

Formazione sempre meno, di specializzazioni non se ne parla per una categoria come la nostra proiettata al soccorso professionale ed è forse il caso di parlare di accanimento terapeutico verso un paziente, come il Corpo Nazionale VV.F.

 

Nel merito basta vedere cosa succede nei SAF e nello specifico i SAF2B, ci sembra che i giochi di “potere” stiano andando avanti, se non sono già conclusi, mentre l’RdB-CUB, continua a chiedere un tavolo con il Dipartimento per cercare di capire quale futuro si prospetta.

 

Nel frattempo le visite mediche selettive proseguono; molti colleghi elisoccorritori continuano a venire sospesi dal servizio operativo, mentre la formazione continua a rimettere in discussione la professionalità di questi operatori, non ultimo il corso SA1 (alleghiamo documento); proprio così questi operatori del soccorso sono gli unici che periodicamente devono rimettersi in discussione; avere un integrità fisica da spaziali, ri/dimostrare la loro professionalità e le loro capacità; e dimostrarla a chi poi ? a degli istruttori nominati sul campo, istruttori che magari hanno conseguito quella abilitazione grazie all’avere nel loro percorso formativo conseguito il livello fluviale …. dove magari o anzi sicuramente i loro istruttori erano appunto i SAF2B, lo stesso SAF che oggi vene rimesso sotto esame dal suo precedente allievo …… Il rimettersi in discussione NON è un grosso problema per chi fa l’operativo, l’assurdo è che un SAF2B deve avere 90 su 120 di pressione e tutti i peli al posto giusto, altrimenti anche uno sbalzo umorale diventa un pretesto per metterti da parte!

 

La RdB-CUB, forse si starà probabilmente sbagliando e speriamo ci darete il modo di ricrederci, ma NON è intenzione dei questo governo aprendo i CCNL, riconoscere la professionalità degli specialisti del Corpo Nazionale, sia sotto l’aspetto economico che previdenziale. NON è intenzione nemmeno del Dipartimento un riconoscimento di fatto, perché a par nostro si sta proprio materialmente cercando di eliminare la componente specialistica del CNVVF.

 

Infatti l’atteggiamento del Dipartimento adottato è quello classico e secolare del “dividi et impera”, dell’uno contro l’altro, della guerra tra poveri. Una volta la discussione sulla competenza del soccorso su un intervento avveniva con altre componenti dello stato e del mondo del volontariato; (con qualche problema) oggi invece ci troviamo a “discutere” se per recuperare un pericolante in acqua interverranno i SAF2B, i SMTZ, le Moto d’Acqua, i Nautici. Di questo passo l’AB412 non sarà più sufficiente per caricare a bordo tutto il necessario, forse dovrà intervenire un Eriscon o meglio un bel G222, cosi tutti possono essere direttamente paracadutate sullo scenario. Ma la cosa più grave è che la soluzione è forse dietro l’angolo: l’AB412 non si potrà più alzare il volo neppure per una ricognizione perché non ci saranno i soldi, il soccorso non si potrà fare perché l’organico manca ed i soldi per pagare i lavoratori ancora meno.

 

Spett. Dipartimento, la RdB-CUB, non usa modi e termini con giri di parole inutili per i suoi comunicati, andiamo direttamente al sodo, abbiamo chiesto di sospendere in alcuni settori la formazione e di aprire un tavolo di confronto in quanto a nostro avviso (quando diciamo nostro intendiamo delle base, di quei VV.F. che quotidianamente garantiscono il soccorso e pertanto il significato e l’esistenza del Corpo nazionale), nel Dipartimento NON hanno ben chiara la situazione di quel che sta accadendo.

 

Ci sono troppi dipendenti di vari ruoli, che coltivano il loro orticello, opportunamente sponsorizzati, che a loro volta sponsorizzano questa o quella attività solo per i loro fini personali; idem per quanto riguarda le procedure operative di soccorso: chi prima arriva prima “salvaguardia” il proprio orticello, proprio nei canoni di un Corpo nazionale !!

 

Come se il recupero di un superstite, fosse differente se attuato dai SMTZ giunti con l’elicottero, dai SAF2B anch’essi con l’elicottero o dalle Moto d’acqua e\o dai Nautici ?! Per quanto ci riguarda tutto questo è o non è soccorso tecnico urgente ? Operato dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco ? Prima che la materia Formazione Specializzazioni, sia ormai un ricordo dei tempi passati quando il Corpo Nazionale garantiva realmente il soccorso con professionalità ed organico, auspichiamo che il Capo Dipartimento voglia ascoltare la voce degli operatori che operano nel soccorso !

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni